Robinson Crusoe

Daniel Defoe

Robinson Crusoe

Robinson Crusoe è uno dei libri più belli che siano mai stati scritti. Kant, Marx e Rousseau lo leggevano come Platone leggeva l’Iliade e l’Odissea e ognuno, ancora oggi, può interpretarlo a suo modo perché è una fonte inesauribile di metafore: il viaggio, l’avventura, il naufragio, l’isola deserta, l’incontro con l’altro, la rinascita, il ritorno.

Il romanzo, che è scritto in prima persona, narra le vicende di un ragazzo inglese che, desideroso di sperimentare grandi avventure, a diciotto anni fugge di casa e si imbarca per ignote destinazioni.
Pur subendo un primo naufragio non si scoraggia e riprende la via del mare ma viene catturato dal pirata Salò ed è da questi tenuto prigioniero per alcuni anni.
Riuscito finalmente a fuggire con un compagno di sventura, viene tratto in salvo da un capitano portoghese che lo conduce in Brasile.
Diventa piantatore e per un po' si adatta a quella vita, ma il desiderio di riprendere il mare è molto forte, così egli intraprende un nuovo viaggio in mare su una nave che esercita il commercio degli schiavi.
Intenzionato a raggiungere la Guinea fa naufragio in un'isola alla foce del fiume Orinoco mar dei Caraibi ad est del Brasile e Robinson, unico superstite, raggiunge a nuoto un'isola deserta dove rimarrà in solitudine per ventotto anni fronteggiando con grande ingegno le avversità naturali.

Scarica gratis
scarica epub scarica odt scarica pdf
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative