UNA FRASE PER RIFLETTERE

La superbia non รจ altro che non istimar altrui

Er pennacchio der somaro (filosofia)

enio orsuni

Un cavallo e un somaro ne la stalla,

-doppo ‘na giornataccia de lavoro-

staveno discutenno tra de loro

pensanno ar modo de poté spuntalla.

 

Er cavallo diceva ar somarello:

-Tu te comporti propio da fregnone.

Becchi le totorate dar padrone

perché nun sai fa’ lavora’ er cervello.

 

Io nun te dico mo de fa’ er ruffiano,

ma cerca d’esse’ un po’ più dipromatico,

sfruttelo si ce l’hai quer senso pratico

e er padrone co’ te sarà più umano!

 

Lo sai, nun te convie’ de fa’ er ribbelle;

devi esse’ remissivo cor padrone.

Perché sinnò lui s’arma de un bastone

e co’ quello te scortica la pelle.

 

Lo sai, le botte fanno propio male!

Pe’ ave’ la biada e pe’ evita’ la frusta,

fa’ come me che pijo la strada giusta

che in fonno in fonno, è questa la morale.-

 

Disse er somaro: -Tu nun tenghi còre!

Pieghi la schìna pe’ quer po’ de biada

ma, ciai pensato che, comunque vada

campi da bestia, senza un po’ d’onore?

 

Vabbè’ ce lo so, la vita è dura!

Ma te sei mai accorto ch’er padrone

nun lassa mai la frusta cor bastone

e ce vo’ governa’ co’ la pavura?                       

 

Io nun la vojo ‘sta benevolenza.

Da quanno che so’ nato nun so’ uso                                      

pe’ la pavura a sopporta’ er soppruso

ma, ciò er pennacchio de l’indipennenza!

 

 

Le botte che m’ammolla sur groppone

lo so da me che nun so’ certo rare,

ma pe’ compenso fo come me pare

e me diverto a fa’ incazzà’ er padrone.

 

Tu invece pe’ pavura amico caro,

leghi er somaro indove vo’ er padrone

ma, damme retta, che soddisfazzione

lega’ er padrone ar posto der somaro!

 

 

 

 

 

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Dedica
Opere pubblicate da questo autore: 75
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative