UNA FRASE PER RIFLETTERE

Tutto ciò che bisogna sapere nella vita moderna è dove siano le Duchesse: tutto il resto è abbastanza deprimente.

la macarena (da 'na gita a Siviglia) riflessioni)

enio orsuni

LA  MACARENA     

 (da ‘na gita a Siviglia)                       

 

Ce sta chi pe’ vedella ce fa a lotta.

Sta appiccicata a un angolo de strada

drento un riquadro e lì sta incorniciata

de maiolica azzura in teracotta.

Na lagrima je scegne ma, è serena.

Quella è la madonnella Macarena.

 

E’ bella e lì, quarsiasi forestiere

che va sur posto, armeno de passaggio,

lo sa che quella è solo pe’ un assaggio,

che de ‘sta protettrice der quartiere

ce n’è ‘na copia tanto più importante

drento na chiesa, lì, poco distante.

 

Sta Madonnella pure se intravede

dar bucio de ‘na statua: un torero,

distante pochi metri. Dico er vero!

Ortre de lei dar bucio ce se vede

-naturarmente, armeno chi ce guarda-

tutta Siviglia, er fiume e la Girarda.

 

Fòra la chiesa de la Macarena,

nemmanco che t’accosti a li cancelli

venghi assartato da li poverelli

che stanno lì pe’ arimeddia’ ‘na cena.

T’avvicini pe’ entra’  -Dio der Creato-

te sfugge appena- e resti senza fiato.

 

Su un piedistallo, sopra un artarino,

dove se pò anna’ su pe’ na scaletta

pe’ pote’ gira’ attorno, su la vetta

c’è lei, coperta de oro zecchino:

orloggi, catenine... insomma, tanto!

Sarà un quintale d’oro solo er manto.

 

‘Ndo’ guardi guardi, vedi solo l’oro:                                    

li voti pe’ la fede de le donne,

l’artare, le cornici, le colonne...

vedessi si che razza de lavoro.

De fronte a ‘sta grannezza madornale

te senti un nano, propio tale e quale.

 

 

Mentre giramio attorno a ‘sta Madonna

pe’ rimiralla mejo da ogni pizzo,

è un momento, me pija lo schiribbizzo

de sta’ a senti’ la voce de ‘na donna.

Me parse de capi’ che domannava

come mai la Madonna lagrimava.

 

Siccome me trovavo propio accosto

e stavo già inseguenno un mio pensiero,

-Si quello che ho capito e proprio vero,

-subbito lì io je risposi tosto-

io credo de sapello, nun lo nego

e si propio volete ve lo spiego. 

 

Penso che ‘sta Madonna che cià addosso

tutta quella ricchezza in oro e argento,

tanto che in lei er più piccolo ornamento

è ‘no spicchietto der mantello rosso,

da qua guarda la porta de la chiesa

e inquadra più de quarche mano tesa.

 

Pensa a lo spreco in nome de la fede

e a chi lì fòra affoga ner bisogno.

Lei nun ce pò fa’ gnente e, come in sogno,

freme de sdegno da la testa ar piede.

E nun pò fa’ gnent’artro che sortanto,

sfogasse in quelle lagrime de pianto.-

 

Subbito me rispose inviperita:                                          

-Brutto blasfemo e gran bestemmiatore!

Pure drento la casa der Signore

dite ‘ste cose? Fatela finita!

Sinnò pe’ voi sarà solo l’inferno

e ce dovrete pure sta’ in eterno.-

 

-Iiih, come v’arabbiate sora sposa.

-subbito me ripresi- Scuserete

si nun la penso propio come un prete,

è stata ‘na battuta spiritosa!-

E me lassai de dietro quelle porte

piene de sangue, de sudore e morte.

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 75
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative