UNA FRASE PER RIFLETTERE

La memoria è tesoro e custode di tutte le cose.

Dubbi il...leciti (riflessioni)

enio orsuni

 

 Dio c’ebbe un idea assai peregrina

quanno quer giorno a Lui je venne in mente,

de popola’ ‘sta tera co’ la gente

e l’animali. Allora na matina,

 

se mise a lavora’ de buzzo bòno.

Sta sritto che je venne er sentimento

che  all’òmo je ce vo’ er sostentamento.

E incominciò da l’arbero der pomo?

 

E questo è er primo dubbio che m’assale:

Quer Dio “che è fatto de misericordia”

lo fece apposta pe’ crea’ discordia?

Diteme, fece bene o fece male?

 

Doppo pensò che assieme a quelle mele

c’era bisogno de artre proteine.

Fece le vacche, l’oche e le galline

pensanno: -Si je leveranno er fiele,

 

e poi l’infileranno ne lo spiedo

ciavranno da magnasse lì sur posto

oche, bistecche e polli fatti arosto.-

‘Mbè, si me sforzo un po’ forse ce credo.

 

Ma mo, famo un analisi sensata:

fece na coppia de quarsiasi spece

de òmmini e de bestie, questo fece,

assieme a quarche pianta de insalata.

 

Poi s’appoggiò ‘na mano a la coscienza

e disse a tutti: -Io er deppiù l’ho fatto.

E mo co’ la natura ogni artro impatto

rimane solo vostra competenza-                      

 

Ma quello che me rosica la mente,                                 

-naturarmente a vede’ er risultato-

è er dubbio che nun se sia comportato

l’òmo, manco per cazzo competente.

 

 

 

 Percui, si quanto sopra nun cià senso,

allora ho da accetta’ la condizzione

sinnò ce posso perde’ la raggione.

‘Mbè, si sarò capace adesso penso

 

de fa’ in futuro come dice er prete:

credero a tutto senza mai discute.

Armeno ce guadambio de salute.

Nun vojo più capi’ chedè la fede.

 

 

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 75
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative