UNA FRASE PER RIFLETTERE

È una cosa terribile per un uomo scoprire improvvisamente che per tutta la vita egli non ha detto altro che la verità.

Li furbi

enio orsuni

Un giovenotto senza inizziative,

poco istruito e manco assai normale,

a certi annunci scritti sur giornale

volle risponne’ e se decise a scrive’.

 

Siccome ch’era poco intraprendente,

poco de tutto e semi anarfabbeta,

lui se propose d’ariva’ a la meta

co l’aiuto de quarche su’ parente.

 

Embè, prese er cuggino pe’ la mano

e sotto l’occhi  j’appoggiò er giornale:

-Guarda st’annuncio matrimoniale, 

ciò provato a risponne’, pero invano.

 

Sai? Come sempre, l’ignoranza vale

a nun pote’ trova’ la strada giusta.

‘Mbè, si l’idea che ciò mo a te t’aggusta,

damme ‘na mano a fa’ ‘sto madrigale.

 

Me riccommanno, è ‘na cosa seria!

Siccome nun so’ esperto de grammatica,

me ce vo’ certo ‘na persona pratica

che me possa aiuta’ ne la materia.

 

E si va bene vinco un terno a lotto.

Vabbe’ che ‘sta regazza è proprio bella

ma, cià ‘na bella dote. Io, de quella

-lo dico a te- so’ innammorato cotto.

 

Percui, de ‘st’ignorante abbi cremenza,

che si riesco a combinamme bene

nun sarà solo a me che me conviene:

te do un mijone pe’ riconoscenza!

 

Embè, er cuggino l’aiutò. Percui,

scrisse un papiro ma, da fa’ faville.

Ma siccome nun era un imbecille

er madrigale je lo firmò lui.                             

                                                                           

 

 

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Satira
Opere pubblicate da questo autore: 75
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative