UNA FRASE PER RIFLETTERE

Ero un bambino, cioè uno di quei mostri che gli adulti fabbricano con i loro rimpianti.

Er canarino mio

enio orsuni

Er canarino che ciò chiuso in gabbia

da tanto tempo, ner vede’ ‘sta scena

me da l’idea che canta pe’ la rabbia

de nun pote’ usci’ fòra e me fa pena

ar punto tale, pe’ la verità,

de oprì la gabbia e daje libbertà.

 

Ma quanno sto pe’ fallo penso ar fatto,

che si lo lasso libbero de anna’,

po’ casca’ ne le grinfie a quarche gatto

e allora, te saluto libbertà.

Così, riviene a galla un po’ er bònsenso:

arichiudo la gabbia e ce ripenso.

 

Ma, a vietaje ‘sto fatto d’eroismo,

ciovè, de fini’ in bocca a quarche gatto,

ce gioca pure un senso d’egoismo:

nun vojo resta’ solo! E ce fo un patto:

pe famme perdona’ ‘sta brutta storia

je do la canepuccia e la cicoria. 

 

 

 

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Riflessioni
Opere pubblicate da questo autore: 75
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative