UNA FRASE PER RIFLETTERE

Non si devono mai fare progetti, soprattutto per il futuro.

Senza un segno né lungo né breve,

su la parete un quadro, tutto bianco.

Forse l’autore se sentiva stanco

così l’aveva intitolato... neve!

 

E appresso un artro:  propio a l’angoletto

ce stava un occhio e ar lato opposto un naso;

‘na recchia in mezzo e a fianco, guarda caso,

‘n braccio e un ginocchio annaveno a braccetto.

 

Penserete:  l’autore è propio matto!

Ma quer ritratto a la parete immobbile

pareva un incidente d’atomobbile.

Defatti se chiamava... autoritratto!

 

Ma io domanno e dico: -scherzi a parte-

possibbile che oggi tanta gente

nun solo crompa, ma se li contende?

Madonna, com’è scesa in basso l’arte...

 

 

                                                        

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Riflessioni
Opere pubblicate da questo autore: 75
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative