UNA FRASE PER RIFLETTERE

Diffida della falsa conoscenza, è molto peggiore dell'ignoranza.

Fratellanza

enio orsuni

Diceva un poverello

pe’ nun senti’ la panza:

-De tutti so’ fratello,

viva la fratellanza!

 

Spartimose li beni

così che, -sarvognuno-

vivremo più sereni.

 

Siccome già campamo

male, tra tante pene,

strignemose la mano,

volemose più bene.

 

Perché poi d’artro canto

la vita è così breve,

mica se campa tanto.

 

Si io ciavessi un pollo

lo spartirei co’ te

e te che ciai un abbacchio,

spartiscilo co’ me.

 

Così le genti umane

si nun ce lo sapete

combatteno la fame.

 

Si ognun de quer che è suo

fa come dice Dio:

quello ch’è mio è tuo

e quer ch’è tuo è mio…

 

Ma se fermò lì un prete,

sentennolo parla’

co’ tanta bòna fede,

 

je disse: -Ciai raggione,

questo è parla’ cristiano!

Si tutte le persone

se dassero la mano,

                                                                                                                                                                                                                         

nun ce sarebbe guera

e er popolo fratello                                                                  

spartirebbe la tera.

 

Questa è la fratellanza:

quello ch’è tuo è mio,

-evviva l’ abbondanza-

e quer ch’è mio e... mio!-

 

E, indo’ sta la morale?

Chi vo’ sparti’ li beni

è sempre chi sta male!

 

 

 

 

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Riflessioni
Opere pubblicate da questo autore: 75
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative