UNA FRASE PER RIFLETTERE

L'erbaccia è una pianta di cui non sono state ancora scoperte le virtù.

Vendette

enio orsuni

Aoh, dimme quello che vòi.

Ciavrai raggione, a fa’ così me sbajo.

Ma sta’ tranquillo, prima de fa’ un guaio

lo vado a cerca’ a piazza de l’eroi

dov’abbita, quer boia de un ruffiano,

de fianco ar bare, propio ar quinto piano.

 

E sta’ a senti’ si quello che je dico:

si pure scappi nun pòi anna’ lontano,

tanto te metto le budella in mano

perché vali pe’ me meno de un fico

e s’io fossi dell’òmmini er più bòno

nun potressi ave’ mai nisun perdono.

 

E defatti so’ annato dar norcino

a crompa’ du’ budella de maiale,

poi doppo so’ salito pe’ le scale

e je l’ho date co’ ‘no sfilatino.

J’ho detto: brutto stronzo de un ruffiano

ecco, te metto le budella in mano.

 

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Satira
Opere pubblicate da questo autore: 75
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative