UNA FRASE PER RIFLETTERE

Cadendo la goccia scava la pietra.

Er povero cèco

enio orsuni

Er cèco piano piano

rasentava er muro.

Ch’arivasse lontano

io nun ero sicuro.

 

Già viddi un regazzino

co’ un aria da puzzone

che je passò vicino

facenno er tontolone.

 

Mentre je passò accosto

co tutta l’intenzione

j’ammollò de nascosto

cor braccio ‘no spintone.

 

Ma er ceco sgamò er pollo

e come gnente fosse

te l’agguantò per collo.

E poi co’ un par de mosse,

 

j’abbottò le ganasce

dicenno: -A disgrazziato!

Ancora deve nasce’

quello che m’ha fregato.-

 

Ma je ne dette un frego...

e poi si me ricordo,

se levò l’occhiali da cèco

e se li mise da sordo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Comicità
Opere pubblicate da questo autore: 75
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative