UNA FRASE PER RIFLETTERE

La lontananza è il fascino dell'amore.

Cure giovanili

enio orsuni

-Dotto’  me guardi un po’ ‘sto regazzino.

E’ annato a fa’ ‘na gita a li castelli,

sa?  Pe’ Genzano, Frascati, Marino...

E ritornò pieno de pedicelli.

Sarà pe’ quarche cosa che ha magnato?

Dica, nun sarà mica intossicato?-

 

-Signo’ je devo di’:  ‘sto regazzino

veramente lo trovo cresciutello!

Lo guardi bene mo che j’è vicino,

è diventato ormai un giovanottello

e j’ho da di’ giacché l’ho visitato,

che nun me pare propio intossicato.

 

O mejo: questa è un intossicazione

che pe guarilla bene, propio tutta,

bisogna “senza fanne indiggestione”

che cominci a magna’ parecchia frutta.

E co’ ‘sta cura disintossicante

perde li pedicelli er mese entrante!-

 

-Ma a dotto’, si è solo pe’ la frutta

io je n’ho sempre data in abbonnanza.

E lui, nun solo se la magna tutta

ma un giorno o l’artro je schioppa la panza..

Le cosce de le moniche, le pere,

fichi e cerase... magna che è un piacere!-

 

-Signo’ io forse me so’ espresso male.

Lui dovrebbe magnasse a crepapelle

-poiché a vedello, è più che naturale-

solo li fichi, anzi, le sorelle!

E poi la notte -sotto ar chiar de luna-

quarche briccocola, sì, armeno quarcuna .

 

Le cosce de le moniche? Ma è giusto!                                         

 Je ne dia tante e speri che s’addopra

a assaporalle sempre co’ più gusto

ma, je le dia co’ quello che c’è sopra!

Poi, spariti che so’ li pedicelli

lo rimanni a passeggio a li castelli.-

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Satira
Opere pubblicate da questo autore: 75
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative