UNA FRASE PER RIFLETTERE

La lettura è un atto necessariamente individuale molto più bello dello scrivere.

Italo Calvino

Di te parlo a me

Fiorella Giovannelli

sei qui, nel mio sordo dolore

che  da lamento alla mia anima

in questi momenti di verità.

all’improvviso come un candito bucaneve 

sei tornata, senza speranza,  senza respiro

con carni lacerate e  cuore silente

 

Vorrei correre nel vento

come le viole di primavera

togliere il velo del silenzio, che

copre luce ai tuoi occhi 

e soffiare la polvere che lega le

tue mani per lasciarmi ancora

una sola carezza

 

Di te parlo a me / sempre 

allontanando le tue lacrime

che asciugavo con i petali

degli  Angeli

Sempre mi chiedo

perché quel giorno portò

 via la mia carne che avevo

tessuto nel mio grembo.



Quel giorno  s’incenerì

il mio cielo portando lontano

dalle mie braccia  il tuo respiro.

 Chi ha strappato il tuo sorriso?

Perché?...

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Amore
Opere pubblicate da questo autore: 1363
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative