UNA FRASE PER RIFLETTERE

La ricchezza del mio cuore è infinita come il mare, così profondo il mio amore: più te ne do, più ne ho, perché entrambi sono infiniti.

Nettunense sotto l'acqua

Giovanni Gentile

guidanno 'n fila sulla nettunenze
camminavo a passo d'omo.


scenneva giù tant'acqua
che pareva che l'angioli
avessero rotto lo sciacquone


c'èra puro 'n incidente
nun se vedeva 'n accidente
ormai avanzavo sconzolato
penzanno a che ora potevo arivà


mentre stavo bello 'n fila
guarda 'n po' chi t'ariva
un coatto un piacione
sorpassanno cor gippone


tacci tua ma 'ndo voi annà
nun se vede manco a biastimà
ma quello
bello e 'mpettito
se nè annato tutto spedito


me domanno e me ridico
ma quanno 'n strada
se vedeno certi perzonaggi
a 'n do' stanno i pizzardoni
'n do' se vanno a parà?


c'è 'r diluvio puro pe' loro
e nun se vonno fracicà.

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 14
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative