UNA FRASE PER RIFLETTERE

Siamo fatti per l'immensità. La nostra anima si dilata quando il cielo e il mare si ingrandiscono sotto i nostri occhi.

Non ? stato che un sogno

Iole Troccoli
 
Non è stato che un sogno a vergare le ossa,

un dolore piccino che ora muove da solo e rinuncia

come un petalo steso sconfitto sul ventre

dal guadagno del sole.


Non avevo nel petto altro che il desiderio

di un gemito sordo, fosse anche malato in ginocchio


o confuso


negligenza di un vivere che si piega al dolore del vento.


Ora nego quegli occhi, davvero li nego, mentre canto

al disordine il luogo dove sosta è smeriglio di onde,

mentre accendo i miei fari noiosi sul carteggio del giorno


e assomiglio a mia madre che parla di piante perenni

che non scendono mai a carezzarle le pene più bionde.


Tu sei stato, ed il sogno addolora perché aveva il riflesso smaltato

di chi cerca quell'oro sulle mani vestite

che si accendono ancora a disegnare la sabbia strappata dal mare

e a rotolarmi granelli,


oro mare di parole sperdute, oro vento come il punto impreciso

che ti ha visto arrivare, dritto al dolore, dritto al silenzio,

zitto dell'acqua che svelto portavi e una goccia, una sola,

ma era per me. 

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Amore
Opere pubblicate da questo autore: 11
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative