UNA FRASE PER RIFLETTERE

L'erbaccia è una pianta di cui non sono state ancora scoperte le virtù.

In memoria...

Marco Agazzi



Si sfila l'anello nuziale
dalla tua mano smagrita,
cade,
come una goccia
che si stacca dal ramo
di un salice piangente,
suono leggero che annuncia
il tuo lasciare la vita.

Madre mia che pena ho nel cuore
nel vederti sfiorire
senza vedere l'alba.

Il tuo sogno di sposa e di mamma
si è compiuto: mi ha donato la vita.

Tra poco il lungo viaggio nel tempo  finirà,
gia' di schiude la finestra del cielo
che chiama l'anima alla luce.

Posami la mano sul cuore
anche ora che è giunto il momento
della grande pace.




Marco Agazzi
COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Amore
Opere pubblicate da questo autore: 101
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative