UNA FRASE PER RIFLETTERE

La solitudine è il destino di tutte le grandi menti: un destino a volte deplorato, ma sempre scelto come il minore di due mali.

Cencio di vita

Luigi Diego Eléna
 




Di pozzanghere d'occhi le margherite stanno all'azzurro contatti
in due tonde scampagnate orme all'indistinto silenzio appeso
pensiero tra quegli artigli d'un fringuello sbarazzino viso e mente.
Non è piombo quel pozzo vuoto vero sopra ad un prato arato
né ha sete lo spaventapasseri nel suo negozio impagliato e immortale.
Non desidero le cose umane in quel cencio di vita a guardarmi
perché non ho le ali ma braccia parallele gemelle al bene al male
quasi a rotolare con le farfalle esiliate in una zolla arsa fumando.
L'asfalto è culla d'un carrozzino con un bimbo d'autore addormentato
trascinato va in staffetta testimonianza e a crescere s'allunga ramo.
Seguo la linea chiamo m'ha invaso.
COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 469
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative