UNA FRASE PER RIFLETTERE

L'amore non ha confini di tempo e si può farlo vivere nello spazio infinito dell'incredibile...

Inciampando

Luigi Diego Eléna
 


Inciampando la paura la brezza si fa vento in ogni calice di fiore d'uva
ed è quell'abbandonare al nettare una farfalla fra amici senso di contegno.
Un attimo ad uno specchio quando si passa inosservati sui ginocchi bordi
come dubbio di passi e il senso dei bisbigli a quel salotto senza labbra.
Un altro narciso prima d'essere bevuto distratto rimbalza balza s'accascia.
Controvento il sonno capo chino sopra un tavolo sul piatto del giorno fino al mento.
Una lampada dorme come un gelato tra le dita d'un bambino che sorride.
A dar l'avvio è sempre quel vacillare dove il digiuno annega in tavole imbandite.
Una piazza alla fine è il silenzio che sa bene domestico e caminetto di piacere.
S'inchina.
COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Dedica
Opere pubblicate da questo autore: 469
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative