UNA FRASE PER RIFLETTERE

Le opere, come nei pozzi artesiani, salgono tanto più alte quanto più a fondo la sofferenza ha scavato il cuore.

Ricorrenza dimenticanza

Luigi Diego Eléna
Si va le mani a chiedere piet? e alle spalle un occhio che ti spinge sguardo che non sa di celeste santo ma di indice e pollice diavolo. Come il raccolto d?olive chini pollice medio. E accade d?incontrare lo stivale del padrone senza fermarsi. Il cavagno sta qui sempre davanti di poco per traboccare. Perch? dei soldi ? la sua rete. Poi tasca filo di ragno. E chi lo sa guida il suo sguardo a mezzobusto e il passo a compensare. Per tutti l?ultimo ti fa sprecare tempo e spazio ad aspettare. Se poi qualcuno rallenta l?attende come un calendario che lascia in bianco la data. Ricorrenza dimenticanza.
COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 469
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative