UNA FRASE PER RIFLETTERE

L’unico modo per non far conoscere agli altri i propri limiti, è di non oltrepassarli mai.

IL CASO NON HA FEDE

Marina Minet
Rivedo le origini del male e stendo i palmi.
Io che nulla stringo e niente lascio
Confronto luci e ombre sapendole già scelta
E scopro inopportuna l'inferno e le sue arti

Avvolge ambiguo il male,
Adagia sette teschi per i vizi
E aspetta viandanti bestemmiando
Finché li chiama figli

Non chiedo mai perché ritorna
Né il dente che conduce in sepoltura,
Eppure nel confronto m'intravedo
Scartandolo di sera per debellarlo all'alba
Con mille scuse in tasca
E Dio la manna in pausa

Lodato, vivrebbe di sconfitte
Raffreddando i fuochi
E buio cadrebbe quel tepore
Devoto sotto il ramo degli ulivi
 
Dal male ho appreso il bene
Sfamando la fatica senza gloria
E la sfortuna appena
È ancora l'incostanza

L'origine del male ha le sue nubi
Razziando santi stanchi
E i cieli infedeli da bussare
Sorteggiano le porte

Ma il caso non ha fede
 

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 83
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative