UNA FRASE PER RIFLETTERE

Né la ricchezza più grande, né l'ammirazione delle folle, né altra cosa che dipenda da cause indefinite sono in grado di sciogliere il turbamento dell'animo e di procurare vera gioia.

Angelo Caduto

Michele Ciorra
Sgrana gli occhi neri di pece sorride e tende la mano fredda di ghiaccio poggia il corpo giovane su una stampella metallica ringrazia per una leggera moneta, ha le ali spezzate angelo caduto non bestemmia e ne avrebbe diritto lui piccola creatura, piccola creatura di Dio? Voler? ancora lo sento a dispetto di Te Padrigno insensibile, a dispetto di Te dei tuoi fini imperscrutabili e stupidi. Voler? ancora voler?! 05/01/2005
COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 156
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative