UNA FRASE PER RIFLETTERE

In amore, chi arde non ardisce e chi ardisce non arde.

Vorrei Vorrei destarti navigando il tuo corpo lentamente e affogandolo di baci partire dalle tue labbra carnose scivolare lungo il collo lungo e sottile soffermarmi sui seni e mordicchiare i capezzoli scuri poi affondare le mia lingua nel tuo ombelico e perdermi per un lungo momento nella selva setosa del tuo monte di Venere fare in modo che tu aprissi le cosce tornite ed affondarla, la lingua, nel tuo sesso caldo e fremente e poi d'un colpo farti morire di piacere squartandoti con la mia daga di carne sparare dentro il tuo ventre il mio seme di fuoco mentre ululi di piacere gridando il mio nome. Saprei farlo e lo sai. Lo ho gi? fatto. 30/12/2005 ore 03:00 a.m.
COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Erotismo
Opere pubblicate da questo autore: 156
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative