UNA FRASE PER RIFLETTERE

L'anima è la più angosciante spia che un nemico possa mandare.

Sonno...

Michele Ciorra
Uno due ancora mezzo disco bianco ed ? il sonno desiato ma indotto, sparato nella testa e nell'anima privo di sogni, vuoto, pesante, il nulla. E poi di colpo eccomi alla vita, quale vita? Assonnata, strascicata, frenata no no no! non questa io voglio, meglio la mia quella vera, quella fatta di momenti seduti alla destra di un dio che non mi guarda e di cui io non mi curo, di amori forti violenti e persi per strada, di amori che ti maciullano l'anima e ti spaccano il cuore, di generosit? vera e non esibita, di giullarate davanti ad un bar alla presenza di vuoti idioti, di adrenalina che come coca ti sclerotizza le vene, di libri divorati quasi fossi cannibale ad un pasto d'uomo e poi e poi...il niente quella condita di affreschi sensa senso sulle pareti bianche di una stanza che non vuole, geme si ribella al tocco di un tattoo inesperto, quella fatta di sguardi al limone caduto sull'impiantito del viale di sotto. Questa io voglio...di vita ch? ? la mia vita. Da sempre, ed io "lo nacqui". Diverso. 15/08/2004 ore 05,00
COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 156
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative