UNA FRASE PER RIFLETTERE

Potete giudicare quanto intelligente è un uomo dalle sue risposte. Potete giudicare quanto è saggio dalle sue domande.

Vulcano dio immondo

Michele Ciorra
Ti chiamo rispondi e parli parli parli sento che non vorresti riattaccassi poi tu gi? la cornetta non sei sola ora. Lo so. Richiamo? Non so, non sono sicuro di me, non sono certo di te eppure come va, ti chiedo, come va ami un altro? No comment, in inglese, perch? no un no secco, un basta ? finita e sono anni ormai, ed invece no richiamerai, richiamer? ? scontato come ? scontato che se ci rivedessimo cadremmo nelle braccia l'uno dell'altra, come ? vero che sar? sempre l? dentro di te e lo sai. Continuer? cos? e forse a te basta. A me? Non so, mi manchi mi manchi disperatamente ed il Tempo, stupida reale dimensione non cancella come dovrebbe ma alimenta anche l'odio sappilo. Lo alimenta, perdio, ed ? un mantice antico che Vulcano vecchio immondo utilizza perfido complice il Tempo. 31/08/2004
COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 156
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative