UNA FRASE PER RIFLETTERE

O invidia, radice di mali infiniti, verme roditore di tutte le virtù!

Libecciata e morte

Michele Ciorra
Libecciata e morte Nuvole gravide di pioggia fanno da quinta poggiate su un orizzonte lontano, un secco vento di Libia spinge le onde grigie a rompere la cresta a rincorrersi verso la battigia a mangiare rena e mordere le fondamenta del lungomare deserto, il caldo piscio di dio bagna la tua fronte ed i lunghi neri capelli mentre, laccio di lattice stretto al braccio sinistro, spari nelle vene di silice succo di limone e sperma di satana. E vivi giorno dopo giorno la tua morte lenta. Tossico. a.d. 10/01/2004
COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 156
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative