UNA FRASE PER RIFLETTERE

L'avidità è il pungolo dell'operosità.

Non saremo mai

Nando Taccogna
- Ho freddo, coprimi... -

A cosa serve scrivere stupide parole
arrampicate sulla tua schiena,
a cosa alludi
se non concludi mai un bel niente
ed a nulla vale la nostra storia,
sillabe vuote che scivolano come sapone
da queste mani sporche...
cosa pretendi in cambio,
cosa concedi al premio
e perché non ti arrendi adesso,
adesso che sei vincente.

Cosa altro t'aspetti, ordina pure
quello che vuoi al cameriere in questa sala vuota,
bevi stasera davanti agli occhi miei
già ubriachi e fermi come un sole spento...
cos'altro vuoi uccidere
decidi se andare via o bruciarti qui...

dimmi finché vuoi ingoiare lacrime o restare,
vuoi illuderti o distruggerti,
dimmelo...

Lascia stare prendo al volo
la mia giacca, ombrello e chiavi vado via io
resta pure dove sei, resta nei panni tuoi.

Non saremo mai
noi due noi.
COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 281
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative