UNA FRASE PER RIFLETTERE

La libertà è stata un ideale e adesso non può essere che un'arma.

Apparizione di Stéphane Mallarmè

Paolo Faccenda

 

Apparizione

 

Intristiva la luna. Serafini in lacrime

sognando,  l’archetto alzato nella calma

dei fiori vaporosi,

rapivano da moribonde viole bianchi

singhiozzi, in un glissando sull’azzurro

delle corolle. – Ed era quello il giorno

benedetto del tuo primo bacio.

Alla mia fantasia piacendo un martirio

s’inebriava sapiente

di quel profumo di tristezza che lascia

anche senza disagio o rimpianto

il cogliere un Sogno all’anima che l’ha colto.

Dunque vagavo l’occhio fitto al selciato

consunto, quando col sole dentro i capelli,

nella via, nella sera tu m’apparisti ridente

e credetti vedere la fata dal cappello di luce

che un tempo sui miei bei sonni di bimbo viziato

passava, lasciando sempre dalle sue mani dischiuse

fioccare bianchi mazzetti di stelle odorose.

 

 

 

 

 

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 583
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative