UNA FRASE PER RIFLETTERE

Il sesso senza amore è un'esperienza vuota, ma fra le esperienze vuote è una delle migliori.

Paul Verlaine - Canzone d'autunno

Paolo Faccenda

Paul Verlaine - Canzone d'autunno

 

 

I singhiozzi lunghi


dei violini d’autunno


mi feriscono il cuore


con languore


monotono.

 

 

 

Ansimante


e smorto, quando


l’ora rintocca,


io mi ricordo


dei giorni antichi


e piango;

 

 


e me ne vado


nel vento ostile


che mi trascina


di qua e di là


come la foglia


morta.

 



Chanson d’automne

 



Les sanglots longs


Des violons


De l’automne


Blessent mon coeur


D’une langueur


Monotone.


 Tout suffocant


Et blême, quand


Sonne l’heure,


Je me souviens


Des jours anciens


Et je pleure,



 Et je m’en vais


Au vent mauvais


Qui m’emporte


Deçà, delà,


Pareil à la


Feuille morte.

 

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 583
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative