UNA FRASE PER RIFLETTERE

È sempre stato così, che l'amore non conosce la sua propria profondità finché non arriva l'ora del distacco.

Mi chiedo

Regit


... se pur cadesse tiepida la neve
sui tetti rossi madidi di pioggia
diventerebbe gelido il respiro
 a chi di notte srotola  i ricordi
dal quel cassetto concavo di  marmo
dove in simbiosi vivono dal  giorno
 in cui la vita vegeti  li rese?

Mi chiedo e dentro  restano nascoste
e timorose  le  armoniche  note
già sottoscritte  all'epoca passata
quando aspettavo intrepida la sera
per raccattare  briciole e molliche
che mi aprivano pagine di luce
su quegli spazi ...tessere d'incastro.

Cambiata or è la   musica di fondo
stride la tromba e gracida l'acuto
ad intervalli  s'intonano  le arie
sembrano echi che vengono col vento
con un attacco simbolo di pace
per trattenere e pungere le nubi
 che  sulla terra sciolgono gli umori.


COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 678
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative