UNA FRASE PER RIFLETTERE

Nulla bramiamo tanto quanto ciò che non ci è consentito.

Mi chiedo

Regit


... se pur cadesse tiepida la neve
sui tetti rossi madidi di pioggia
diventerebbe gelido il respiro
 a chi di notte srotola  i ricordi
dal quel cassetto concavo di  marmo
dove in simbiosi vivono dal  giorno
 in cui la vita vegeti  li rese?

Mi chiedo e dentro  restano nascoste
e timorose  le  armoniche  note
già sottoscritte  all'epoca passata
quando aspettavo intrepida la sera
per raccattare  briciole e molliche
che mi aprivano pagine di luce
su quegli spazi ...tessere d'incastro.

Cambiata or è la   musica di fondo
stride la tromba e gracida l'acuto
ad intervalli  s'intonano  le arie
sembrano echi che vengono col vento
con un attacco simbolo di pace
per trattenere e pungere le nubi
 che  sulla terra sciolgono gli umori.


COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 678
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative