UNA FRASE PER RIFLETTERE

Il mentitore dovrebbe tener presente che per essere creduto non bisogna dire che le menzogne necessarie.

Il tuo lamento

Regit



Candor di neve e luce
rubasti alla montagna
per dare alla bellezza
trigidiaca struttura
(come natura vuole).

La Dea a sè ti strinse seppur del bianco priva
poichè  nell'occhio scorse le strie  del suo mare:
 la glauca  essenza sacra
su cui l'etimo gioca.

E fosti  sull'ulivo  di -spirito santo- ala,
tecnica che non falla nell'attimo del lancio
a prelevare il vitto
necessità di vita.

Sei bella e sei temuta :
il tuo lamento è amore!

La tua virtù è sapienza
scritta con grandi lettere
in mezzo alla  chiarezza

tal che immortal ti rese
il Racalmuto autore.

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Dedica
Opere pubblicate da questo autore: 678
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative