UNA FRASE PER RIFLETTERE

Lontano dall'oggetto amato, sembra che quanto più vivo è il nostro affetto, tanto più diventiamo padroni di noi stessi, poiché tutta la forza della passione, che si esplicava all'esterno, s'effonde ora interiormente; ma quale brusca rivelazione ci strappa da un simile errore, non appena quello a cui credevamo di poter rinunciare si ripresenta a un tratto ai nostri occhi e lo sentiamo indispensabile.

Honoré de Balzac

Rugliare o bramire?

Regit

 

 

 

Nel suo rintocco s'ingorga il vespero
mentre il silenzio del tocco fagocita
il suono d'un rugliare ottuso
nel letargo all'uopo predisposto.

La sera indossa fiori di sandalo
e nell'attesa sfoglia le pagine
d'una rivista d'altri tempi
quando il sole scioglieva le ciglia

ed affannosi nel mare, vergini
flutti increspati schiuma  sfilavano. 
Ma l'ora non firma clemenza
e la testa sul braccio ricade.

La magnitudo giostra ora i calcoli
in algoritmi senza più panico,
bramito in ottave su scala
che il sismografo solo evidenzia.

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 678
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative