UNA FRASE PER RIFLETTERE

Lontano dall'oggetto amato, sembra che quanto più vivo è il nostro affetto, tanto più diventiamo padroni di noi stessi, poiché tutta la forza della passione, che si esplicava all'esterno, s'effonde ora interiormente; ma quale brusca rivelazione ci strappa da un simile errore, non appena quello a cui credevamo di poter rinunciare si ripresenta a un tratto ai nostri occhi e lo sentiamo indispensabile.

Honoré de Balzac

Quel muto dire di fiato e respiro

Regit

 

E’ quando scende la sera che l’ombra
s’accuccia stanca sotto l'arco curvo 
della tua ascella  per vestire d’acqua
 i suoi sospiri
 
e navigare la sottocoperta
dell’ emozione  c'offre  la carezza                                     
quando la notte canta  alla scoperta
di cotanta   ebbrezza
 
e resta  ferma  ,   quasi fosse morta 
nel muto dire in fiato ed in  respiro
che scende dentro nel circolo vivo
 e tutto accende .
 
Non c’è riposo nel letto suo sacro
né sui cuscini    la sua testa  pone …       
In quell’abbraccio  scorda  anche il  massacro
della tempesta
 
che il dolor porta  su  lontane sponde
e non intacca  la sfera    esistente     
di quell’ affetto  nato da un piacere
senza confronti.  

(prova di poesia saffica minore)

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 678
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative