UNA FRASE PER RIFLETTERE

Amiamo persino le lodi che non crediamo sincere.

Leggerezza

rexiargenio
Spicchio di pietra. Timpano ed eco di braccia lontane sorretto da immobili figure. Sublime architettura di corpi e materia, presenze ed ombre scomparse, consolano vite di gesso. Sostenere il peso del bello perfetto e sobrio mai mutato nel tempo ? cosa di piuma. Guardo. Nessuna fatica o iridi di sforzo negli occhi dei due Telamoni, in piedi sul tempio di Giove ancorch? tranquillit? e pace. Nell?insicuro viaggiatore, archeologo delle sue paure si insinuano certezze marmoree, che lo sollevano, dal quel suo inutile scavarsi dentro. Penso. Nulla di pi? resta nella vita Cha amarla con leggerezza. E quand?anche amare somigliasse a prendere o lasciare, andarsene o morire, l?equazione dell?intimo sopravvivere resterebbe immutata. Che altro se non stare, senza smorfie, a sorreggere il male, senza smettere di pensare che esista, ma solo, che non abbia un peso.
COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 5
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative