UNA FRASE PER RIFLETTERE

La famiglia ` la patria del cuore.

Giuseppe Mazzini

Senza stile

Salvatore Ferranti

Ho perso l'identità,
non so più chi sono;
chi m'ascolta
a stento mi riconosce
- da un neo evidente
o dalla sterile voce -

Scrivo e divento pallido,
come un cencio da stendere,
un panno d'asciugare
- esiste sole più traditore? -

Non c'è luce in questo esercizio,
nè traccia d'uno stile,
solo artefatto amore
che fa rima col solito cuore.

Lo specchio non serve
che ad accrescere la mia angoscia,
mi vedo cambiato,
ma a mia insaputa,
come fossi l'unico reduce
del più oscuro viaggio
- nulla ricordo dei sentieri
già trascorsi -

Ho perso l'identità,
sono un fiume in pena adesso,
che s'accresce delle sue stesse lacrime.
Scorro stanco,
ma non deprimo le placide onde.

Sono il trionfo irrimediabile dell'incoerenza
- una sorgente,
in mezzo al mare,
non serve a nulla -

Ho perso l'identità,
ma ho le mani ancora calde,
e disegno versi
in mezzo al nulla
travestito da saporita caramella,
che profuma di vita
e sa di menta.

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 60
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative