UNA FRASE PER RIFLETTERE

Caso è lo pseudonimo di Dio quando non vuole firmare.

D'autunno, forse

Salvatore Ferranti

La sera procede a tentoni
- non ne vuol sapere di me
e del mio orgoglio -

Scorre lenta la lancetta
ma lo fa in tondo
come fossi capace io
d'intendere la differenza
tra il cerchio
e l'abisso profondo

In televisione ci sono le stelle
finte come l'allegria
che intorno al mio tavolo apparecchio

Aspetto ospiti
- gente d'una certa importanza -
e non potrei mai riceverli
senza un sorriso a trentadue denti

Fosse già notte
intonerei un canto d'amore
alla luna
- vorrei vedere
chi non si commuoverebbe
quando crollerei a terra
facendo finta d'esser morto! -

Intanto L'autunno
mi sussurra spaventose storie
- ma credo d'esser forte
e il mio amore
vince l'eco della malinconia
forse... -

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 60
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative