UNA FRASE PER RIFLETTERE

C'è sempre nell'amore molta illusione e molta curiosità.

A MIA MADRE ( RITORNO )

Vincenzo Costa

Ed è soltanto il mezzo ch'è cambiato
per questo ritorno tra tanti..
Non più lo scorrere lento delle ore sui lunghi binari
che attraversano le campagne arse dalla calura
ma il tempo di leggere il giornale, qui, nell'aria,
in alto, sospeso sul mare, piatto, che brilla
e le nuvole, evanescenti, che scorrono attorno
mentre il sole, sopra, rifrange i suoi raggi
sull'ala, grigia, di questo uccello di ferro.
I miei compagni di viaggio,
chiusi in questo tubo lanciato nel vuoto,
non sono più gli stessi di quelli che guardavano
scorrere il paesaggio dal finestrino di una sferruzzante carrozza,
non c'è l'uomo coi baffi e il panciotto....
il vecchio rinsecchito che brontolava...
o il contadino che mangiava le arance con rabbia..
ma uomini e donne.. giovani e vecchi,
ben vestiti.. con grandi occhiali da sole
che leggono riviste alla moda.. parlano lingue diverse
e scrivono sui computer..
Eppure, anch'io, come quel figlio cinquant'anni fa,
torno da mia madre...
ma non ho una cartolina in mano...
solo un desiderio...
il desiderio d'abbracciarla per risvegliarla ( spero )
dal suo momentaneo torpore..
?@
COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Dedica
Opere pubblicate da questo autore: 129
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative