UNA FRASE PER RIFLETTERE

Prima di amare, io non ho mai vissuto pienamente.

CREPUSCOLO

Vincenzo Costa

E così.. silenziosamente e inaspettatamente arriva il Crepuscolo..

scivola sinuosamente tra i geroglifici della mente e avvolge, non voluto,

le pieghe dell'anima.

Lo sguardo, adesso, è rivolto al tramonto e non oltrepassa più l'orizzonte curvo del cielo

ma scende, obliquo, come i raggi del sole calante

o come le palpebre quando si chiudono, lentamente, al richiamo del primo sonno.

Non ha tristezza nè allegria adesso la mia vita....

il tempo passa inesorabilmente e il Crepuscolo invade con il suo cono d'ombra

quello spicchio di luce, ancora presente , che, timido e furtivo,

si ritrae all'incalzare del buio.

Il tempo passa e io non avverto lo scorrere monotono dei giorni accanto a me....

Non val la pena far troppi gesti od agitarsi, non si resiste al Dio crudele

che i suoi figli strappa ai rumori del mondo

divorandoli nel silenzio del nulla.

Avanza il Crepuscolo come immota plaga dove s'immerge l'anima, zittita,

dei moti che dianzi l'avevano turbata...

e quando l'acqua avrà raggiunto il limitare degli occhi...

volgerò l'ultimo sguardo a fissare il sole per ritardare l'ombra

che già di essa è mezza padrona...

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 129
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative