UNA FRASE PER RIFLETTERE

Il bambino che non gioca non è un bambino, ma l'adulto che non gioca ha perso per sempre il bambino che ha dentro di sé.

Aaaaaaaaaaaaaaaaa!

Vincenzo Costa
Aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaah!! E se fosse pi? dolce abbandonarsi/ E se fosse pi? lieve non lottare/ E se fosse pi? semplice ritirarsi/ Perch? stare sempre sul ring ! Aaaaaaaaaaaah, Che stanchezza!! Le lancette dell?orologio divorano i giorni e non c?? pi? differenza tra l?alba e il tramonto/ tra il giorno e la notte. La furia del fare annulla il tempo per pensare e una caotica valanga di cose su cose non lascia il tempo per respirare/ travolgendo i sentimenti e il bisogno d?amare. Aaaaaaaaaaaaaah, Aaaaaaaaaaaaaaah, che stanchezza stasera !! Perso, perso mi sento nel nulla del tutto/ Frugato, rivoltato, divorato , nel corpo e nella mente/ e ci? che il mio cuore anelita non lo trovo pi?, mi sfugge dolorosamente inseguito da un pensiero vagante in un mondo di niente. I volti degli uomini e delle donne, che mi passano davanti, hanno la consistenza dell?aria e mi scivolano davanti agli occhi come il sapone tra le mani. Uguale scivola la mia vita come creatura che non ha casa in nessun posto e quando la vita ti scivola fra le mani diventi un lupo per te e per gli altri. Aaaaaaaaaaaaaaah, Aaaaaaaaaaaaaaah, che stanchezza stasera, mentre il Fado struggente di Agua riempie di dolce tristezza la mia Anima, che come riflesso del mondo che mi circonda, ne prende la dolorosa e caotica forma e non esiste senza di lui, non ha altri segreti, e vede la luce solo nella bellezza della mia donna quando mi guarda. Aaaaaaaaaaaaaaaah, Aaaaaaaaaaaaaaaaah, che stanchezza stasera!!
COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 129
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative