UNA FRASE PER RIFLETTERE

Le lacrime non sono espresse dal dolore, ma dalla sua storia.

Migrantes

woquini

Croce e delizia d’epica, reietta e concepita bastarda

è quanto tu racconti con algidi descritti

senza la dignità per quelli che come lei scampano

o cercano fughe per riscatti impossibili.

 

Sei nato nell’ovatta, questo già concede il diritto

di chiudere le critiche che percepisci ostili,

ma chi segna il deserto lasciando lì l’anima arresa,

all’epica non offre che un arido dolore.

 

Dovresti, nel silenzio, concedere per quest’anabasi

il minimo d’un sorso dell’acqua che dispendi

durante tutto il giorno, ma lo sguardo tuo guarda al verde

di stupidi simboli nati nell’ignoranza.

 

E quando sprechi righe per narrare ad altri la paura

(la tua) lo fai con mente disposta di traverso

in modo che si veda che da te è sortito il massimo

e che ti spetta il plauso per quello che hai largito.

 

Nel buio della notte crepitano fuochi fatui,

si scaldano le  stelle sopra il deserto gelido

e tu lasciata al caldo l’amante che il letto ti scuote

pensi d’aver concluso l’affare della vita.

 

 

woquini 8.10.2010

COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 361
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative